LAND-ED

La ricerca

“Il paesaggio come oggetto e come strumento nei contesti educativi” è il titolo del progetto di ricerca condotto dal 2017 al 2019, che costituisce la base di riferimento, teorica e operativa, per il sito Land-ed.

Il progetto di ricerca si è strutturato
in 2 percorsi paralleli.

1: Attività di Ricerca-Azione

Il primo è costituito dalle attività di ricerca-azione nell’ambito dei corsi di formazione svolti in collaborazione con l’Osservatorio del Paesaggio della Regione Veneto in diversi contesti (Delta del Po, Graticolato Romano, Medio Piave, Colline dell’Alta Marca trevigiana, Pianura Veronese, Colline moreniche e entroterra gardesano).

I materiali e le attività realizzate nel corso di questi anni in collaborazione con gli osservatori Locali sono disponibili visitando il blog PaesaggioEducazione.

2: La Raccolta dati

Il secondo si è realizzato attraverso la raccolta dati “Raccontami un paesaggio”, in collaborazione con il MiBACT, che ha cercato di rispondere alle seguenti domande:

Quali sono le realtà che operano nel campo dell’educazione e della formazione al paesaggio in Italia?
Quali progetti e attività promuovono?
Che metodologie e strumenti utilizzano?
Quali obiettivi si pongono?
Con quali ‘lenti’ e da quali angolature inquadrano il paesaggio?

Questa raccolta dati ha portato alla realizzazione di una mappatura dei progetti educativi di base e delle attività di formazione di insegnanti e operatori (realizzate in Italia tra il 2015 e il 2017)

La mappa dei progetti di educazione e formazione al paesaggio

Alcuni risultati in sintesi

174 realtà

174 realtà che hanno partecipato alla raccolta dati; si tratta per lo più enti pubblici o enti di tipo no-profit, tra i quali principalmente associazioni di tipo culturale o ambientale.

312 progetti - 59 attività

Sono state raccolte informazioni su 312 progetti educativi e 59 attività di formazione di insegnanti e operatori.

“paesaggio” come ponte

I progetti educativi sono per la gran parte rivolti al mondo della scuola, per le quali il “paesaggio” figura come un buon concetto ponte tra discipline scientifiche e umanistiche.

Escursioni e attività sul campo

Sono molto diffuse le escursioni e le attività sul campo, i lavori di gruppo e l’uso di fotografie; all’incirca la metà dei progetti prevede anche lezioni frontali.

Partenariati e collaborazioni

Sebbene orientati principalmente al mondo della scuola, in circa la metà dei casi siamo di fronte a progetti e attività realizzati grazie a partenariati tra diversi enti che collaborano in rete: i progetti educativi dedicati al paesaggio si aprono e interagiscono col territorio esplorandolo con le escursioni e dialogando con esso.

Attenzione alla dimensione temporale

Tra gli obiettivi didattici, l’attenzione verso la dimensione temporale del paesaggio è principalmente rappresentata dall’esplorazione dei segni della storia ma anche dei sistemi economico-sociali e delle pratiche che hanno contribuito a creare determinati paesaggi, mentre lo sguardo progettuale verso il futuro è molto meno presente.

Sfera della razionalità

Gli obiettivi che riguardano la sfera della razionalità (analisi del paesaggio, riconoscimento degli elementi e dei processi) sono maggiormente rappresentati rispetto a quelli che interessano le emozioni personali, il confronto e la creatività.

5 idee di paesaggio

Grazie al questionario è stato possibile individuare cinque raggruppamenti di temi che possono essere interpretati come cinque diverse ‘idee di paesaggio’ attorno a cui si sviluppano le attività educative:


  • la prima sembra riferirsi a un paesaggio antropizzato, vissuto dalla popolazione (in parte in linea con quanto indicato dalla CEP)
  • la seconda maggiormente legata a un paesaggio percepito con i sensi e caratterizzato principalmente da vegetazione e aree verdi
  • la terza vede il paesaggio come qualcosa di collettivo e condiviso, costituito da molteplici sguardi e punti di vista
  • la quarta è strettamente legata ad un approccio estetico e artistico
  • la quinta, invece, rispecchia una visione maggiormente ecologica del paesaggio

Multidimensionalità

La presenza di queste cinque ‘idee’ testimonia la multidimensionalità e la ricchezza del concetto di paesaggio, che, anche nei contesti educativi, si dimostra in grado di rappresentare la complessità del rapporto tra società e ambiente, nei suoi aspetti materiali (antropici e naturali) e immateriali (valori culturali collettivi ed esperienze e sensazioni soggettive).

Differenze

Tuttavia vi sono differenze in come queste idee sono rappresentate nei vari contesti educativi (formali e informali) e nei destinatari (scuole primarie, secondarie o cittadinanza in generale).

Barriere invisibili

La presenza di queste barriere invisibili tra un approccio e l’altro, che possono limitare l’espressione delle potenzialità educative della complessità del concetto di paesaggio, è dimostrata anche dal fatto che la terza idea individuata, che più ne riflette la natura composita e multi-sfaccettata, generalmente non compare in presenza delle altre.

La capacità del paesaggio

La capacità del paesaggio, inteso sia come oggetto che come strumento educativo, di stimolare la creazione di reti tra attori diversi potrebbe essere quindi una delle leve da sfruttare per lavorare ad una ricomposizione delle divergenze individuate negli approcci adottati nei diversi contesti educativi, riconoscendo la presenza di molteplici sguardi e livelli di lettura dei paesaggi esistenti, da tutelare e valorizzare, e sviluppando un confronto a più voci per educare alla costruzione di paesaggi futuri possibili, giusti e vivibili.

Per approfondire

Idee di paesaggio nei contesti educativi: attori, progetti e obiettivi


Autori: Cisani M. e Castiglioni B


Sede di pubblicazione: Ri-Vista

The complexity of landscape ideas and the issue of landscape democracy in school and non-formal education: exploring pedagogical practices in Italy


Autori: Castiglioni B. e Cisani M.


Sede di pubblicazione: Landscape Research Journal. 2020

Camminare nel paesaggio come pratica educativa: prospettive geografiche


Autori: Castiglioni B., Cisani M. e Piccolo M.


Sede di pubblicazione: Studium Educationis. 2020

Paesaggio ed educazione: uno sguardo alle esperienze internazionali per riflettere sul contesto italiano


Autori: Cisani M.


Sede di pubblicazione: Ambiente, Società, Territorio. 2018

Contattaci!

LAND-ED è in continuo aggiornamento. Scrivici per condividere la tua esperienza o per richiedere maggiori informazioni sulle attività di ricerca e di didattica-formazione.